C305i  Source de Vie - http://www.sourcedevie.com


© SdV - Qualsiasi copia è autorizzata e anche sostenuta


messo sul sito il 20/01/2009


Questo testo è la trascrizione d’un messaggio trasmesso oralmente da Henri VIAUD-MURAT, tramite registrazione su audiocassetta. Per rispettare la spontaneità del contenuto, è stata conservata l’integralità della registrazione orale, salvo alcune minore modifiche che erano necessarie alla comprensione del testo scritto.



La Festa delle Trombe e il rapimento.

Henri Viaud-Murat. 23 maggio 2008.



Il piano di Dio per l'umanità, le feste giudaiche, i segni che precedono il ritorno molto prossimo di Gesù, e il rapimento di tutti coloro che saranno pronti.

 

Riproduciamo prima di tutto, il nostro primo articolo dal titolo Le Feste dell'Eterno, diffuso in lingua francese, perché è essenziale per la comprensione della continuazione nell'articolo presente.

 

 

Le Feste dell'Eterno

 

Il capitolo 23 del Libro del Levitico presenta l'insieme delle sette Feste solenni che il popolo d'Israele doveva osservare, secondo l'ordine dato dall'Eterno a Mosè. Ogni festa rappresenta un segno profetico concernente la vita ed il ministero del Signore Gesù Cristo. Questi segni, di conseguenza, si applicano anche alla Chiesa, Corpo di Cristo.

 

Il piano completo di Dio per l'umanità è rivelato, in una maniera straordinaria, dalla perfetta ed esatta natura del calendario delle sette Feste dell'Eterno che Israele doveva osservare. Sostanzialmente, tra la prima e la settima Festa, si svolge il destino completo della specie umana.

 

Il calendario di Dio è basato sulle fasi lunari. Ogni mese ebraico comincia, quindi, immediatamente dopo una luna nuova

 

Ecco l'elenco di queste Feste e la loro data:

 

- La Festa della Pasqua ebraica: il 14 del mese di Nisan. Prima luna piena di primavera.

 

- La Festa dei Pani Azzimi (senza lievito): dal 15 al 22 del mese di Nisan.

 

- La Festa delle Primizie: il primo giorno della settimana che segue il sabato della Pasqua del mese di Nisan (n.b.: il sabato della Pasqua è il primo sabato che segue il giorno di Pasqua, n.d.t.). Potrebbe essere il 16 del mese, se il 15 fosse un sabato. Altrimenti, è necessario aspettare il primo giorno della settimana che segue il primo sabato della Pasqua.

 

- La Festa di Pentecoste: il 6 del mese di Sivan.

 

- La Festa delle Trombe: il primo del mese di Tishri.

 

- La Festa delle Espiazioni: il 10 del mese di Tishri.

 

- La Festa dei Tabernacoli: il 15 del mese di Tishri.

 

 

Le feste della primavera:

 

A. Pesach (Festa della Pasqua - Levitico 23:5). L'anno religioso ebraico comincia quel giorno. Questo giorno commemora il sacrificio dell'agnello, nel paese di Egitto, che ha segnato la liberazione finale del popolo d'Israele. Il sangue dell'agnello è stato applicato sugli stipiti e sulle porte di ogni casa. L'angelo distruttore, vedendo il sangue, passava al di sopra della casa, senza colpire i suoi occupanti.

 

Significato spirituale per la Chiesa: Questa Festa rappresenta la messa a morte del Signore Gesù, il giorno stesso della Pasqua. L'Agnello di Dio ci ha liberati della schiavitù del peccato, della carne, del mondo e del diavolo. La nostra "casa" (il nostro corpo) è segnato dal sangue dell'Agnello, questo sangue prezioso col quale siamo stati riscattati.

 

L'anno della morte del Signore, il giorno della Pasqua (14° giorno del mese di Nisan) doveva essere un mercoledì, per permettere al Signore di rimanere nella tomba tre giorni e tre notti. Il "Venerdì Santo" del Cattolicesimo è una tradizione senza alcun fondamento né biblico né storico.

 

La Pasqua ebraica rappresenta quindi anche la nostra morte in Cristo.

 

 

B. Chag HaMotzi (Festa dei Pani Azzimi - Levitico 23:6). Questa Festa si osservava fin dal giorno seguente la Pasqua, il quindicesimo giorno del mese di Nisan e durava sette giorni, dal 15 al 21 del mese di Nisan. Il quindicesimo giorno di Nisan, cioè il primo giorno della Festa, era festivo (non lavorativo). Durante questa Festa, gli Israeliti dovevano mangiare pane senza lievito. Il lievito rappresenta il peccato. Il fatto di mangiare durante sette giorni dei pani senza lievito rappresentava il cammino nella santità. Si dovevano anche pulire completamente le case da ogni traccia di lievito.

 

Gli ebrei hanno varcato il Mare Rosso, all'asciutto, durante la Festa dei Pani Azzimi.

 

Ogni pane senza lievito (matzah) fu striato (come flagellato) e forato. L'usanza ebraica era di seppellire, nascondere e "resuscitare" il secondo dei tre pani azzimi (quello del centro, che rappresenta Gesù messo nella tomba).

 

Ciò rappresenta la sepoltura di Cristo. Il suo corpo puro e senza peccato fu flagellato e forato sulla croce, ed Egli, per amore, morì per noi. Gesù è anche il "Pane della Vita" disceso dal Cielo. Egli è nato a Betlemme, che in ebraico significa "casa del pane."

 

Gesù è stato seppellito la sera della Sua morte, ovvero, all'inizio del giorno seguente la Pasqua. Se il giorno di Pasqua era un mercoledì (questo giorno cominciava dalla sera di martedì), il quindicesimo giorno del mese di Nisan cominciò fin dalla sera di mercoledì. Era un giorno festivo, esattamente come un sabato.

 

Questa Festa rappresenta anche la nostra sepoltura in Cristo.

 

 

C. Yom Habikkurim (Festa delle Primizie - Levitico 23:11). Questa Festa si osservava il primo giorno della settimana che segue il sabato della Pasqua (n.b.: il sabato della Pasqua è il primo sabato che segue il giorno di Pasqua, n.d.t.). Quel giorno, le primizie di ogni prodotto del paese erano presentate all'Eterno, per ringraziarLo della fertilità che Egli concedeva al Suo popolo.

 

Gesù è risorto il primo giorno della settimana. Egli è la "Primizia" della risurrezione e di coloro che risorgeranno. Siccome la Festa dei Pani Azzimi è cominciata la sera di mercoledì ed essendo il giovedì festivo (non lavorativo come un sabato), in quanto primo giorno di questa festa, ne consegue che il venerdì era un giorno normale di lavoro. È in questo giorno che le donne hanno dovuto preparare gli aromi per imbalsamare il corpo di Gesù. Ma il giorno successivo essendo un sabato ordinario (il primo sabato dopo la Pasqua), si sono riposate, per andare al sepolcro il mattino del primo giorno della settimana.

 

 

Ma questo primo giorno della settimana (domenica) era cominciato già la sera del sabato (shabbat). Gesù era già risorto la "mattina del primo giorno della settimana", domenica mattina, quando le donne arrivarono al sepolcro. Per rispettare i "tre giorni e le tre notti" nella tomba, il Signore deve quindi essere risorto già alla fine del giorno di sabato, prima della notte. I Vangeli dicono infatti: "Gesù, essendo risorto la mattina del primo giorno della settimana" (Marco,16:9). Questo non significa che Egli sia risorto effettivamente la mattina del primo giorno della settimana. Questo può volere dire anche che Egli era già risorto il mattino del primo giorno della settimana, quando le donne sono arrivate al sepolcro

 

Questa Festa delle Primizie rappresenta anche la nostra risurrezione in Cristo.

 

Queste tre prime Feste della Primavera rappresentano le tre tappe della nostra salvezza in Gesù Cristo: la nostra morte, la nostra sepoltura e la nostra risurrezione in Cristo. Queste tre tappe sono anche rappresentate dal battesimo d'acqua per immersione: ci siamo "immersi" nella morte di Cristo, "seppelliti" sott'acqua e "risorti" ad una vita nuova a partire dalla nostra uscita dall'acqua. Il vero battesimo cristiano non può essere dunque praticato che attraverso una immersione completa, unico modo di rappresentare correttamente e completamente la nostra morte, la nostra sepoltura e la nostra risurrezione in Cristo.

 

 

D. Shavu'ot (Festa di Pentecoste - Levitico 23:16). Questa Festa si celebrava "il giorno seguente il settimo Sabato dopo il sabato che segue la Festa delle Primizie", ovvero il cinquantesimo giorno seguente.

 

È anche il giorno in cui gli Ebrei commemorano il dono della Torah a Mosé da parte dell'Eterno, sul Monte Sinai.

 

Si può anche notare che il giorno in cui Mosé discese dal Monte Sinai con le Tavole della Legge, circa "tremila uomini" morirono a causa dell'idolatria del popolo (Esodo 32:28). In compenso, il giorno della Pentecoste, in seguito alla predicazione di Pietro, "circa tremila anime" si convertirono a Cristo (Atti,2:41)!

 

È nello stesso giorno della Festa di Pentecoste che lo Spirito Santo è stato versato sulla Chiesa, segnando l'inizio del tempo della grazia che deve durare fino al ritorno del Signore.

 

Durante questa festa, dovevano essere offerti due pani intrecciati, cotti con lievito. Essi rappresentano la chiesa, composta da Ebrei e Gentili uniti nello stesso Corpo.

 

Le prime quattro Feste della Primavera si sono già compiute durante la vita ed il ministero del Signore Gesù. Le tre Feste d'autunno devono ancora compiersi, nel loro conseguimento profetico per Cristo e per la Chiesa. Noi siamo perciò sempre sotto il regime di Shavu'ot, della Pentecoste, ovvero dello Spirito Santo.

 

Le Feste dell'autunno:

 

Tre Feste si celebravano in autunno, tra settembre e ottobre:

 

 

E. Yom Teru'ah (Festa delle Trombe - Levitico 23:24). Questa Festa doveva essere celebrata il primo giorno del mese di Tishri, in settembre. Essa dura un giorno in Israele e due giorni fuori d'Israele. L'intervallo, di quasi quattro mesi, che intercorre tra la Festa di Pentecoste e la Festa delle Trombe, rappresenta il tempo della Chiesa. È anche un tempo di siccità in Israele, ma anche il tempo della maturazione dei raccolti e delle messi.

 

L'ultimo mese dell'estate è il mese di Elul. Durante questo mese, ogni giorno, suonava solo una volta lo shofar (il corno d'ariete), per preparare il popolo alle prossime tre feste dell'autunno.

 

 

 

 

Infine, il primo giorno del mese di Tishri, che segna l'inizio della Festa delle Trombe, lo shofar squilla 100 volte, per radunare i fedeli e convocarli al Tempio. Tutti dovevano allora abbandonare i lavori del raccolto per recarsi alla Festa.

 

Questo giorno segna anche il primo giorno dell'anno civile Ebraico, o Rosh Hashanah.

 

In 1Corinzi 15:51-53, Paolo parla del suono della tromba di Dio che deve risvegliare i morti e indicare il giorno del Rapimento della Chiesa. I Cristiani cesseranno allora di mietere per partire e incontrare il Signore nell'aria.

 

Questo giorno simboleggia dunque la risurrezione di tutti coloro che sono "morti in Cristo", ed il "cambiamento in un batter d'occhio" di tutti coloro che saranno viventi, nel giorno del Rapimento.

 

Secondo la tradizione Ebraica, questo sarà il Giorno del Giudizio, in cui il Creatore giudicherà tutti gli abitanti della terra. Questo giorno era anche considerato come quello dell'inizio della creazione.

 

Il fatto che le prime quattro tappe profetiche del ministero di Gesù, corrispondano alle prime quattro Feste della primavera, ci permette di pensare che le ultime tre tappe profetiche del Suo ministero saranno a loro volta inaugurate gli stessi giorni delle ultime tre Feste d'autunno.

 

Il Rapimento della Chiesa, che coincide col giorno della risurrezione dei morti in Cristo, deve perciò normalmente avvenire durante una delle prossime Feste delle Trombe.

 

Ecco le date delle prossime Feste delle Trombe:

 

2009: Sabato 19 settembre (giorno di shabbat) (1 Tishri 5770).

 

2010: Giovedì 9 settembre (1 Tishri 5771).

 

2011: Giovedì 29 settembre (1 Tishri 5772).

 

2012: Lunedì 17 settembre (1 Tishri 5773).

 

(Notare che i giorni ebraici cominciano di sera alla vigilia).

 

 

F. Yom Kippur (Festa delle Espiazioni - Levitico 23:27). Questa Festa doveva celebrarsi il decimo giorno del mese di Tishri. È il giorno più santo dell'anno religioso Ebraico. Questo giorno era preceduto, proprio dopo la Festa delle Trombe, dai "giorni terribili/pericolosi." Questi erano dei giorni di preparazione allo Yom Kippur che doveva seguire, dei giorni di esame di sé, pentimento, riconciliazione e messa in ordine davanti all'Eterno. Gli ebrei dovevano affliggere le loro anime nel giorno dello Yom Kippur. Loro non dovevano né mangiare né bere durante 24 ore.

 

È il giorno dello Yom Kippur: una volta all'anno il Sommo Sacerdote aveva il diritto di entrare nel Luogo Santissimo, col sangue di agnelli e di capri, per fare l'espiazione per sé stesso e per il popolo. È in quest'unica occasione annuale che il Sommo Sacerdote poteva anche pronunciare, nel Luogo Santissimo, il nome impronunciabile dell'Eterno.

 

 

 

Il Sommo Sacerdote iniziava sacrificando un toro per sé stesso. Poi sacrificava un capro "per il Signore", ed entrava nel Luogo Santissimo per spargere il sangue sul propiziatorio. Poi metteva (con imposizione delle mani n.d.t.) i peccati del popolo su un altro capro, il "capro per Azazel", che veniva poi scacciato nel deserto (Levitico 16). Azazel rappresenta Satana, che sarà legato per mille anni durante il Millennio.

 

Questa Festa simboleggiava quindi la riconciliazione degli Ebrei con Dio.

 

Questa Festa si compirà profeticamente all'epoca del ritorno del Signore Gesù sulla terra, nel momento della battaglia di Harmagheddon. Questo ritorno avverrà il giorno dello Yom Kippur del settimo anno dopo la Festa delle Trombe dell'anno del Rapimento della Chiesa.

 

Questo giorno sarà quello del riconoscimento di Gesù Cristo come loro Messia, da parte di tutti gli Ebrei sopravvissuti. Sarà il giorno della conversione generale di Israele a Cristo.

 

 

G. Sukkot (Festa dei Tabernacoli - Levitico 23:34). Questa Festa cominciava il quindicesimo giorno del mese di Tishri, e durava sette giorni. Il 22° giorno, o ottavo giorno, era anche un giorno santo distinto dagli altri e costituiva "l'ultimo grande giorno della Festa."

 

Così come la Pasqua inaugurava le Feste della primavera, ed era seguita dai sette giorni della Festa dei Pani Azzimi, così l'ultima delle Feste dell'Eterno, comprendeva i sette giorni della Festa dei Tabernacoli, seguiti da un ottavo giorno, distinto dagli altri, che era "l'ultimo grande giorno della Festa." Questo grande giorno finale segna il termine di tutte le Feste dell'Eterno e del ciclo religioso.

 

La Festa dei Tabernacoli celebra il fatto che Dio aveva provveduto dei rifugi per il Suo popolo durante l'attraversamento del deserto, dopo l'uscita dell'Egitto.

 

Questa Festa avrà il suo pieno compimento profetico quando il Signore ritornerà con la Sua Chiesa "Tabernacolo", per abitare in mezzo al Suo popolo, dopo il Suo ritorno sulla terra, per instaurare il Suo Regno millenario. Il suo grande Tabernacolo sarà situato a Gerusalemme, che sarà il centro del mondo futuro. Le nazioni del mondo intero saliranno a Gerusalemme, ogni anno, per la Festa dei Tabernacoli (Zaccaria 14:16-17).

 

Questa Festa dei Tabernacoli del settimo anno, dopo l'inizio della Tribolazione, segnerà, quindi, l'inaugurazione ufficiale del Millennio.

 

L'"ultimo grande giorno della Festa", l'ottavo giorno, rappresenta ciò che accadrà alla fine del Millennio, nel momento dell'ultimo Giudizio, quello del "Grande Trono Bianco" che precede la nuova creazione, il nuovo cielo e la nuova terra sulla quale discenderà la Nuova Gerusalemme. La morte non ci sarà più. La storia di questa terra finirà e inizierà l'eternità col Signore.

 

 

Possiamo quindi notare come questo ciclo delle sette Feste dell'Eterno, date al popolo ebraico, riveste un grande significato profetico sia per la Chiesa del Signore Gesù, sia per il mondo intero.

 

Non si tratta, per la Chiesa della Nuova Alleanza, di ritornare alla pratica obbligatoria di queste Feste. I cristiani che desiderano celebrarle possono farlo liberamente, come commemorazione. Ma non si tratta più di una ordinanza legale, come sotto la Legge di Mose.

 

Tuttavia è importante per la Chiesa comprendere il senso spirituale di queste Feste, osservandole in modo spirituale. Ogni Festa rivelava uno degli aspetti essenziali del carattere di Dio e prefigurava un aspetto fondamentale della vita e del ministero del Messia, Gesù Cristo il nostro Signore.

 

 

 

La grande lezione da trarre da queste Feste, è che noi dobbiamo essere sempre pronti, permanentemente, a servire e celebrare il Signore, amandoLo con tutto il nostro cuore, con tutti i nostri pensieri, con tutta la nostra anima e con tutte le nostre forze.

 

Non si tratta di aspettare da lontano l'arrivo della prossima Festa delle Trombe, per prepararci poi alla svelta! Non ne avremmo il tempo. Si tratta di condurre una vita che sia permanentemente alla gloria del Signore, come se ogni giorno della nostra vita dovesse essere quello del Rapimento!

 

Ogni giorno deve essere per noi un grande giorno di Festa per l'Eterno! Poi, quando l'ultima tromba suonerà, beneficeremo pienamente della grazia di Dio per andare incontro al Signore. Amen!

 

--------------------------------

 

Ora possiamo sviluppare la continuazione del presente articolo

 

Innanzi tutto riassumiamo ancora una volta l'essenziale dell'articolo precedente :

 

 

Le Feste dell'Eterno sono sette: quattro in primavera, e tre in autunno.

 

Le quattro feste della primavera hanno corrisposto, esattamente nel medesimo giorno, ad un evento preciso della vita del Signore e della Chiesa:

 

- Cristo morì lo stesso giorno della Festa della Pasqua ebraica.

 

- È stato seppellito il primo giorno della Festa dei Pani Azzimi.

 

- È risorto lo stesso giorno della Festa delle Primizie.

 

- Lo Spirito Santo discese sulla Chiesa il medesimo giorno della Festa di Pentecoste.

 

 

Si può dunque ragionevolmente pensare che le tre feste dell'autunno corrisponderanno anche ad un evento fondamentale della vita del Signore e della Sua Chiesa.

 

Ecco gli eventi ai quali, probabilmente, corrisponderanno queste feste d'autunno :

 

- Il Rapimento della Chiesa dovrebbe avvenire durante una delle prossime Feste delle Trombe, il che segnerà anche l'inizio della Grande Tribolazione.

 

- Il ritorno del Signore sulla terra dovrebbe verificarsi il giorno stesso della Festa dello Yom Kippur del settimo anno che segue il Rapimento della Chiesa, poiché sarà in quel momento che tutti gli ebrei sopravvissuti alla Grande Tribolazione si convertiranno al vero Messia.

 

- L'inizio del Millennio dovrebbe essere proclamato il giorno della Festa dei Tabernacoli, che è la Festa che segue lo Yom Kippur.

 

 

Poiché siamo molto vicini a quella Festa delle Trombe che deve dare inizio al Rapimento della chiesa, è importante approfondire l'esame di questa festa.

 

 

La Festa delle Trombe e il Rapimento.

 

Svilupperemo due temi :

 

- Il significato profondo della Festa delle Trombe nel Giudaismo e la sua applicazione al Rapimento della Chiesa.

 

- I segni celesti annunciati dal Signore, che devono precedere immediatamente il Suo ritorno sulla terra, e la loro applicazione nella nostra epoca alla luce di recenti scoperte.

 

 

A. Il significato profondo della Festa delle Trombe nel Giudaismo, e la sua applicazione al Rapimento della Chiesa.

 

La Festa delle Trombe (Yom Teruah) è la prima delle tre grandi feste dell'autunno, nel calendario religioso Ebraico.

 

Così come le quattro feste della primavera corrisposero alla prima venuta di Gesù, le tre feste d'autunno devono corrispondere al secondo avvento del Signore.

 

Queste due serie di feste sono separate da un lungo periodo, da quattro a cinque mesi, corrispondente al tempo della Chiesa. È il tempo della maturazione del raccolto e della messe. È anche un tempo di grande siccità in Israele.

 

La Festa delle Trombe è l'unica ad essere celebrata in un giorno di luna nuova. Deve essere celebrata in un arco di due giorni che formano un'unica "lunga giornata". Era nota come la festa "della quale non si conosce né il giorno né l'ora."

 

Appena la prima mezzaluna era vista dai due testimoni incaricati di questo compito, venivano suonati cento colpi di tromba: 11 serie formate da nove brevi colpi ciascuna e alla fine di queste serie un suono potente e prolungato, quello dell'"ultima tromba". Questa è l'"ultima tromba" di cui parla l'apostolo Paolo in 1Corinzi,15:51-53. Non è dunque l'ultima delle sette trombe dell'Apocalisse, in quanto Paolo non ne conosceva ancora l'esistenza, nel momento in cui scrisse ai Corinzi.

 

Questo ordine preciso di suoni diversi, brevi e prolungati, indicava anche, agli Ebrei nel deserto, che dovevano prepararsi a lasciare l'accampamento, per dirigersi verso un luogo nuovo di riposo.

 

 

Qual'è il significato della Festa delle Trombe presso gli Ebrei? È multiplo.

 

Il suono della tromba, o piuttosto dello shofar (corno di ariete), è prima di tutto destinato a ricordare ai Giudei che il Dio d'Israele è un Dio di misericordia, ma anche un Dio di giudizio. Il suono della tromba è una chiamata al pentimento, ricordando a Dio la Sua misericordia per coloro che si pentono.

 

È anche l'annuncio del giudizio per coloro che rifiutano di pentirsi. I più grandi giudizi divini devono manifestarsi a partire da questo giorno. È perciò contemporaneamente l'annuncio della risurrezione e del rapimento dei giusti, ma anche del giudizio degli ingiusti durante la Tribolazione.

 

Il corno di ariete ricorda anche la misericordia divina, durante il sacrificio di Abramo quando ha potuto sostituire sull'altare suo figlio Isacco, con un ariete provveduto dall'Eterno.

 

 

Nel Giudaismo, la Festa delle Trombe evoca ancora molte cose:

 

- Tradizionalmente, il giorno della Festa delle Trombe commemora la creazione di Adamo, nel sesto giorno della creazione, immediatamente prima del riposo divino dello shabbat. Per noi, esso rappresenta il benedetto giorno in cui il nostro corpo sarà risuscitato o mutato in un batter d'occhio, immediatamente prima del Rapimento della Chiesa e che precede i sette anni delle nozze dell'Agnello nel Cielo, prima del grande Shabbat della terra che rappresenta il Millennio.

 

- Questo giorno segna anche il primo giorno dell'anno civile Ebraico, o Rosh Hashanah.

 

- Il giorno della Festa delle Trombe è anche il giorno anniversario della nascita di Noé. Noé è una figura del Rapimento della Chiesa (Genesi 7:6 e 8:13). È anche il giorno in cui scoperchiò l'arca, quando la terra si asciugò.

 

- Questo giorno annuncia anche il giorno del giudizio divino e quello della risurrezione dei morti (Geremia,30:6-7 e Sofonia,1:14-16). Si tratta del Grande Giorno dell'Eterno. Questo giorno annuncia la "tribolazione di Giacobbe" che avverrà durante la Grande Tribolazione, quando l'Anticristo perseguiterà a morte gli Ebrei che avranno rifiutato di adorarlo come Dio. Ma Giacobbe sarà infine liberato, da questa tribolazione, dal Messia stesso al momento del Suo ritorno glorioso sulla terra.

 

- Questo giorno della Festa delle Trombe è quello del radunamento degli eletti di Dio (Numeri,29:1-6). Lo shofar era sempre usato per radunare il popolo, specialmente per raggruppare le truppe o per "levare il campo." (1Tessalonicesi,4:16: "…perché il Signore stesso, con potente grido, con voce d'arcangelo e con la tromba di Dio, scenderà dal cielo, e i morti in Cristo risusciteranno i primi")

 

- In questo giorno dello Yom Teruah, dei "libri sono aperti nel cielo." Durante dieci giorni, fino alla Festa dello Yom Kippur, ognuno è chiamato ad esaminarsi di fronte a Dio, a pentirsi, ed a mettere in ordine la propria vita, di fronte al grande giorno dello Yom Kippur, giorno della redenzione d'Israele. È in questo giorno dello Yom Kippur che i libri vengono chiusi, ed è pronunciata la sentenza divina.

 

Il Signore vuole sempre avvertire i peccatori prima di pronunciare i Suoi giudizi. Quelli che si pentono sfuggono al Suo giudizio.

 

Ricordiamo che il giorno dello Yom Kippur è quello che dovrebbe vedere il ritorno del Signore sulla terra con la Chiesa. Tutti gli ebrei sopravvissuti alla Grande Tribolazione, riconosceranno allora "Colui che essi hanno trafitto", e si convertiranno a Gesù il loro Messia (Romani,11:12).

 

È interessante sapere che, nella tradizione ebraica, quando Mosé discese per la seconda volta dal Monte Sinai, con le Tavole della Legge, era proprio il giorno dello Yom Kippur. È in questa stessa Festa dello Yom Kippur che Gesù deve ritornare per la seconda volta sulla terra. Più tardi, quando Mosé costruì e consacrò il Tabernacolo, era il primo giorno del primo mese (Esodo,40:1). È questo primo giorno del primo mese (mese di Nisan) che segna l'inizio dell'anno religioso.

 

Ezechiele ricevette la visione del Tempio del Millennio il giorno dello Yom Kippur, il decimo giorno del primo mese (Ezechiele,40:1).

 

D'altra parte, quando Salomone consacrò il Tempio di Gerusalemme, era il giorno della Festa dei Tabernacoli, figura del Millennio (2Cronache,5:3).

 

- Le trombe vengono anche suonate per annunciare il giorno delle nozze del Messia (Gioele,2:15-16). È anche in questo giorno che la Chiesa risorta sarà unita per sempre col suo Signore, quando Egli verrà a rapirla da questa terra per incontrarLo nell'aria, e condurla alle nozze dell'Agnello.

 

 

A tal proposito, è opportuno ricordare come si svolgeva il matrimonio ebraico:

 

- Il matrimonio era combinato e approvato dai genitori, in particolare dal padre.

 

- Il fidanzato doveva presentarsi al domicilio della sua futura fidanzata con tre cose: una forte somma di danaro, un progetto di contratto di matrimonio, ed un otre di vino.

 

- Veniva fissato un prezzo per "l'acquisizione" della sposa. Questo prezzo doveva essere pagato dal fidanzato.

 

- La fidanzata doveva dare il suo consenso.

 

- Nel momento in cui l'accordo veniva concluso, si versava del vino in una coppa, per sigillare l'alleanza. Il fidanzamento era così concluso. I fidanzati erano giuridicamente uniti come marito e moglie, ma senza poter ancora coabitare.

 

- Veniva quindi scritto un documento, il ketubah, che fissava il "prezzo" della fidanzata, le promesse fatte dal fidanzato, e i diritti della fidanzata.

 

- Il fidanzato dava poi dei regali (doni) alla sua fidanzata.

 

- La fidanzata doveva passare attraverso un bagno rituale, o "mikveh", simboleggiando l'abbandono della sua vecchia vita ed il suo passaggio ad una vita nuova.

 

- Il fidanzato ritornava alla casa di suo padre, per preparare un posto alla sua fidanzata. Questo posto era chiamato la "camera"

 

- La fidanzata, da parte sua, si preparava alla sua futura vita di sposa e di madre ed al ritorno del suo fidanzato.

 

- Solo il padre del fidanzato poteva fissare la data di questo ritorno, perché era necessario che egli fosse completamente soddisfatto dei preparativi fatti da suo figlio per la sua fidanzata.

 

- Il ritorno del fidanzato avveniva generalmente di notte, al suono dello shofar. Egli portava la sua fidanzata nella sua "camera", dove la loro unione veniva consumata. Poi una grande festa di sette giorni rallegrava tutti gli invitati.

 

È facile vedere tutti i simboli meravigliosi che si incontrano nella relazione tra Cristo e la Sua Sposa!

 

- Le trombe sono suonate anche per annunciare l'incoronazione del Messia, del Re d'Israele (Salmi,47 e 98:6-9). Il Signore è incoronato come Re di Israele e del mondo. La sua sovranità è allora affermata.

 

È interessante sapere che i re di Israele e Giuda venivano generalmente incoronati proprio nel giorno della Festa delle Trombe. È allora che essi erano proclamati re, salivano pubblicamente sul trono, ricevevano l'unzione dell'olio reale erano acclamati da tutti i loro sudditi, venuti a rendergli omaggio e fedeltà.

 

 

In quale stato spirituale si troverà la Chiesa nel momento del Rapimento?

 

Nel momento del Rapimento, la Chiesa fedele sarà pronta! Essa starà vegliando e pregando. Non sarà sorpresa come da un ladro nella notte. È la Chiesa morta che sarà sorpresa.

 

 

Ecco ciò che dice Paolo ai Tessalonicesi:

 

"Ora, quanto ai tempi e alle stagioni, fratelli, non avete bisogno che ve ne scriva, poiché voi stessi sapete molto bene che il giorno del Signore verrà come un ladro di notte. Quando infatti diranno: "Pace e sicurezza", allora una subitanea rovina cadrà loro addosso, come le doglie di parto alla donna incinta e non scamperanno affatto. Ma voi, fratelli, non siete nelle tenebre, così che quel giorno vi sorprenda come un ladro. Voi tutti siete figli della luce e figli del giorno; noi non siamo della notte né delle tenebre. Perciò non dormiamo come gli altri, ma vegliamo e siamo sobri. Infatti coloro che dormono, dormono di notte, e coloro che s'inebriano, s'inebriano di notte. Ma noi, poiché siamo del giorno, siamo sobri, avendo rivestito la corazza della fede e dell'amore, e preso per elmo la speranza della salvezza. Poiché Dio non ci ha destinati all'ira, ma ad ottenere salvezza per mezzo del Signore nostro Gesù Cristo, (1 Tessalonicesi 5:1-9)

 

 

Il testo (greco) parla di "tempi e stagioni." Paolo faceva dunque riferimento ai tempi e alle stagioni delle convocazioni solenni dell'Eterno, cioè alle Feste consacrate dell'Eterno.

 

Paolo afferma chiaramente che i Cristiani che vivono come figli del giorno e della luce non saranno sorpresi da questo giorno! Sono i Cristiani della chiesa morta che saranno sorpresi, come dice Gesù nell'Apocalisse alla Chiesa di Sardi:

 

"E all'angelo, della chiesa in Sardi scrivi: queste cose dice colui che ha i sette Spiriti di Dio e le sette stelle. Io conosco le tue opere; tu hai la reputazione di vivere, ma sei morto. Sii vigilante e rafferma il resto delle cose che stanno per morire, perché non ho trovato le tue opere perfette davanti al mio Dio. Ricordati dunque quanto hai ricevuto e udito; serbalo e ravvediti. Se tu non vegli, io verrò su di te come un ladro, e non saprai a quale ora verrò su di te"(Apocalisse,3:1-3).

 

La Chiesa di Sardi è morta e se non si ravvede non saprà a quale ora il Signore verrà.

 

Nella tradizione ebrea, il sommo sacerdote ed il capitano delle guardie del Tempio erano anche soprannominati dei "ladri nella notte." Effettivamente, i sacerdoti che vegliavano continuamente sul fuoco sacro e sulla manutenzione del candeliere non dovevano mai addormentarsi durante il loro servizio. Se il sommo sacerdote o il capitano delle guardie, durante una visita improvvisa, sorprendevano un sacerdote addormentato, davano fuoco ai suoi vestiti. Questo doveva liberarsi dei suoi vestiti infiammati e scappare con vergogna. Ciò ricorda la frase "così che la vergogna della sua nudità non appaia" (Apocalisse 3:18).

 

Ne risulta che la Chiesa vivente, saprà in che momento il Signore ritornerà, anche se non conosce esattamente né il giorno né l'ora! Essa non si lascerà sorprendere, perché veglia permanentemente.

 

Il Signore Gesù ha detto: "Or fate attenzione che talora i vostri cuori non siano aggravati da gozzoviglie, da ubriachezza e dalle preoccupazioni di questa vita, e che quel giorno vi piombi addosso all'improvviso. Perché verrà come un laccio su tutti quelli che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate dunque, pregando in ogni tempo, affinché abbiate la forza di scampare a tutte le cose che staranno per accadere e di comparire davanti al Figlio dell'uomo" (Luca,21:34-36).

 

Abramo è un tipo della Chiesa fedele, e Lot un tipo della Chiesa infedele.

 

 

In Matteo 24, Gesù disse :

 

"Qual è dunque quel servo fedele e avveduto, che il suo padrone ha stabilito sulla sua gente, per dar loro il cibo a suo tempo? Beato quel servo che il suo padrone, quando egli tornerà, troverà facendo così. In verità vi dico che gli affiderà l'amministrazione di tutti i suoi beni. Ma, se quel malvagio servo dice in cuor suo: "Il mio padrone tarda a venire", e comincia a battere i suoi conservi, e a mangiare e a bere con gli ubriaconi; il padrone di quel servo verrà nel giorno in cui meno se l'aspetta e nell'ora che egli non conosce; lo punirà duramente e gli riserverà la sorte degli ipocriti. Lì sarà il pianto e lo stridore di denti (Matt.24:45-51).

 

Né il buono, né il cattivo servitore, conoscono l'ora esatta del ritorno del loro padrone. Ma il buon servitore ha continuato fedelmente a portare a termine il suo compito. È ciò che la Chiesa fedele continuerà a fare fino alla fine.

 

 

Che fare di Matteo 24:36?

 

In questo versetto Gesù afferma: "Quanto poi a quel giorno e a quell'ora, nessuno li conosce, né gli angeli dei cieli, né il Figlio ma soltanto il Padre mio"

 

Non si tratta quindi di fissare né un giorno né un'ora, ma osservare i segni! Che nessuno dunque ci accusi di voler affermare che il Rapimento avverrà certamente ad un giorno ed un'ora precisi. Indichiamo soltanto una seria possibilità che il Rapimento avvenga in un certo periodo, secondo i segni annunciati.

 

Se noi prendiamo questo verso di Matteo 24:36 nel senso letterale più stretto, esso ci dice solo che noi non sapremo mai né il giorno né l'ora del ritorno del Signore. Anche se noi sapessimo, per esempio, che Gesù deve ritornare durante la Festa delle Trombe 2008, noi non possiamo sapere né il giorno né l'ora, in quanto questa festa si svolge durante due giorni, e che la scelta del giorno e dell'ora appartiene al Padre.

 

La scelta delle ore era sempre importante per il Signore! Gesù è stato legato alla croce alla terza ora del giorno (9 del mattino), la stessa ora in cui l'agnello veniva legato alle corna dell'altare, per il primo sacrificio del giorno. Egli morì alla nona ora (3 del pomeriggio), la medesima ora in cui veniva offerto l'ultimo sacrificio del giorno. Allo stesso modo, lo Spirito Santo è disceso sui discepoli alla terza ora del giorno, 9 di mattina.

 

Tuttavia, senza sapere il giorno né l'ora, noi possiamo conoscere il momento o il periodo, a partire dai segni che ci sono dati nella Bibbia.

 

Non è perciò possibile profetizzare il giorno e l'ora del ritorno del Signore, perché queste sono informazioni che il Padre ha voluto tenere per Lui. Ma Egli non ci ha lasciati nell'ignoranza quanto all'epoca del ritorno di Gesù.

 

Ciò significa che possiamo, e dobbiamo, osservare i segni dei tempi e dei momenti, come Paolo dice ai Tessalonicesi. Se il Signore decise di intervenire, nella storia degli uomini, durante le precedenti Feste dell'Eterno, significa che queste rivestono un'importanza considerevole nell'osservazione dei tempi.

 

È parte del ruolo della chiesa fedele osservare accuratamente i segni dei tempi, e avvertire il mondo e la Chiesa dell'importanza di certi eventi, specialmente quando sono stati profetizzati nella Bibbia.

 

È ciò che abbiamo cercato di fare in questo articolo.

 

 

La conoscenza di queste informazioni non ci deve assolutamente demotivare o spingerci alla passività, nell'attesa del ritorno ineluttabile del Signore. Ma deve, al contrario, stimolarci a riscattare il tempo, innalzare i nostri capi, perché la nostra liberazione si avvicina!

 

I tempi sono molto brevi! Raddoppiamo gli sforzi per avvertire tutti coloro che sono attorno a noi. Rimaniamo pronti noi stessi e vegliamo permanentemente, qualunque sia il momento del ritorno del Signore! Viviamo ed agiamo permanentemente come se questo ritorno dovesse accadere nei giorni o nelle settimane che vengono, sapendo che Egli può tardare! Così non saremo mai sorpresi, anche se questo ritorno dovesse farsi ancora attendere!