Source de Vie - Leggere la Bibbia "L’insegnamento del saggio è una fonte di vita per evitare a uno i lacci della morte." La Bibbia - Proverbi 13:14

Leggere la Bibbia

Zaccaria


Prima pagina Insegnamenti Bibbia Servizi

De à

Zaccaria

- capitolo 1 -

1Nell'ottavo mese del secondo anno di Dario, la parola dell'Eterno fu rivolta a Zaccaria, figlio di Berekiah, figlio di Iddo, il profeta, dicendo:
2L'Eterno è stato grandemente adirato contro i vostri padri.
3Perciò di' loro: Così dice l'Eterno degli eserciti: Tornate a me, dice l'Eterno degli eserciti, e io tornerò a voi, dice l'Eterno degli eserciti.
4Non siate come i vostri padri, ai quali i profeti del passato hanno proclamato, dicendo: "Così dice l'Eterno degli eserciti: Convertitevi dalle vostre vie malvagie e dalle vostre malvagie azioni". Ma essi non diedero ascolto e non prestarono attenzione a me, dice l'Eterno.
5I vostri padri, dove sono? E i profeti vivono forse per sempre?
6Ma le mie parole e i miei statuti che avevo affidato ai miei servi, i profeti, non raggiunsero forse i vostri padri? Così essi si convertirono e dissero: "Come l'Eterno degli eserciti aveva stabilito di compiere nei nostri riguardi, in base alle nostre vie e alle nostre azioni, così egli ci ha fatto."
7Il giorno ventiquattro dell'undicesimo mese, che è il mese di Scebat, nel secondo anno di Dario, la parola dell'Eterno fu rivolta a Zaccaria, figlio di Berekiah, figlio di Iddo, il profeta, dicendo:
8Di notte ebbi una visione; ed ecco un uomo, montato su un cavallo rosso, stava fra le piante di mirto in un fossato profondo, e dietro a lui c'erano cavalli rossi, sauri e bianchi.
9Io domandai: Mio signore, che significano queste cose?. L'angelo, che parlava con me mi rispose: Io ti farò vedere ciò che esse significano.
10Allora l'uomo che stava fra le piante di mirto prese a dire: Questi sono quelli che l'Eterno ha mandato a percorrere la terra.
11Così essi risposero all'angelo dell'Eterno che stava fra le piante di mirto e dissero: Abbiamo percorso la terra, ed ecco tutta la terra è in riposo e tranquilla.
12Allora l'angelo dell'Eterno prese a dire: O Eterno degli eserciti, fino a quando continuerai a non avere compassione di Gerusalemme e delle città di Giuda, contro le quali sei stato adirato durante questi settant'anni?.
13Quindi all'angelo che parlava con me, l'Eterno rivolse parole buone, parole di conforto.
14Così l'angelo che parlava con me mi disse: Grida e di': Così dice l'Eterno degli eserciti: "Io sono grandemente geloso di Gerusalemme e di Sion;
15ma sono grandemente adirato con le nazioni che vivono nell'agiatezza, perché, quando mi ero un poco adirato, esse contribuirono ad aggravare il male".
16Perciò così dice l'Eterno: "Io mi volgo di nuovo a Gerusalemme con compassione; il mio tempio vi sarà ricostruito, dice l'Eterno degli eserciti, e la corda sarà stesa su Gerusalemme".
17Grida ancora e di': "Così dice l'Eterno degli eserciti: Le mie città traboccheranno ancora di beni; l'Eterno consolerà ancora Sion e sceglierà ancora Gerusalemme".
18Poi alzai gli occhi, guardai ed ecco quattro corna.
19Io domandai all'angelo che parlava con me: Che cosa sono queste?. Egli mi rispose: Queste sono le corna che hanno disperso Giuda, Israele, e Gerusalemme.
20Poi l'Eterno mi fece vedere quattro fabbri.
21Io domandai: Che cosa vengono a fare costoro?. Egli rispose e disse: Queste sono le corna che hanno disperso Giuda, così che nessuno poteva alzare la testa, ma questi fabbri vengono per spaventarle, per abbattere le corna delle nazioni che hanno alzato il loro corno contro il paese di Giuda per disperderlo.

© Source de Vie - Qualsiasi copia è autorizzata e sostenuta citanto http://www.sourcedevie.com/paginahome.htm
- Ultimo aggiornamento il 20/01/2009 -