Source de Vie - Leggere la Bibbia "L’insegnamento del saggio è una fonte di vita per evitare a uno i lacci della morte." La Bibbia - Proverbi 13:14

Leggere la Bibbia

Genesi


Prima pagina Insegnamenti Bibbia Servizi

De à

Genesi

- capitolo 42 -

1Or Giacobbe, venendo a sapere che vi era del grano in Egitto, disse ai suoi figli: Perché vi state a guardare l'un l'altro?.
2Poi disse: Ecco, ho sentito dire che vi è del grano in Egitto; andate laggiù a comprare del grano per noi, affinché possiamo vivere e non abbiamo a morire.
3Così i dieci fratelli di Giuseppe scesero in Egitto per comprarvi del grano.
4Ma Giacobbe non mandò Beniamino, fratello di Giuseppe, con i suoi fratelli, perché diceva: Che non gli succeda qualche disgrazia.
5I figli di Israele giunsero dunque per comprare del grano, in mezzo agli altri arrivati, perché nel paese di Canaan vi era la carestia.
6Or Giuseppe era il governatore del paese; era lui che vendeva il grano a tutta la gente del paese; e i fratelli di Giuseppe vennero e si prostrarono davanti a lui con la faccia a terra.
7Giuseppe vide i suoi fratelli e li riconobbe, ma si comportò come un forestiero con loro e usò parole dure con loro, e disse loro: Da dove venite?. Essi risposero: Dal paese di Canaan per comperare viveri.
8Così Giuseppe riconobbe i suoi fratelli, ma essi non riconobbero lui.
9Giuseppe allora si ricordò dei sogni che aveva fatto intorno a loro e disse: Voi siete delle spie! Siete venuti per vedere i punti indifesi del paese!.
10Essi gli risposero: No, signor mio; i tuoi servi son venuti a comperare dei viveri.
11Siamo tutti figli di uno stesso uomo; siamo gente onesta; i tuoi servi non sono delle spie.
12Ma egli disse loro: No, voi siete venuti per vedere i punti indifesi del paese!.
13Allora essi dissero: Noi, tuoi servi, siamo dodici fratelli, figli di uno stesso uomo nel paese di Canaan. Ed ecco, il più giovane è oggi con nostro padre, e uno non è più.
14Ma Giuseppe disse loro: La cosa è come vi ho detto; siete delle spie!
15Ecco come sarete messi alla prova: Com'è vero che il Faraone vive, non uscirete di qui prima che il vostro fratello più giovane sia venuto qui.
16Mandate uno di voi a prendere il vostro fratello; e voi resterete qui in carcere, perché le vostre parole siano messe alla prova, e si veda se c'è del vero in voi; altrimenti com'è vero che il Faraone vive, siete delle spie!.
17Così li mise assieme in prigione per tre giorni.
18Il terzo giorno, Giuseppe disse loro: Fate questo e vivrete; io temo DIO!
19Se siete gente onesta, uno di voi fratelli resti qui incatenato nella nostra prigione, e voi andate a portare il grano per la vostra famiglia che muore di Fame;
20Poi conducetemi Il vostro fratello più giovane; così le vostre parole saranno verificate e voi non morrete. Ed essi fecero così.
21Allora si dicevano l'un l'altro: Noi siamo veramente colpevoli nei confronti di nostro fratello, perché vedemmo l'angoscia dell'anima sua quando egli ci supplicava, ma non gli demmo ascolto! Ecco perché ci è venuta addosso questa sventura.
22Ruben rispose loro, dicendo: Non ve lo dicevo io: "Non commettete questo peccato contro il fanciullo!"? Ma non mi deste ascolto. Perciò ecco, ora ci si chiede conto del suo sangue.
23Essi non sapevano che Giuseppe li capiva, perché fra lui e loro vi era un interprete.
24Allora egli si allontanò da loro e pianse. Poi ritornò presso di loro e parlò loro; e prese fra loro Simeone e lo fece incatenare sotto i loro occhi.
25Poi Giuseppe ordinò di riempire di grano i loro sacchi e di rimettere il denaro di ciascuno nel suo sacco, e di dare loro provviste per il viaggio. E così fu fatto.
26Essi caricarono quindi il loro grano sui loro asini e se ne andarono.
27Ora, nel luogo dove pernottavano uno di essi aperse il suo sacco per dare del foraggio al suo asino e vide il proprio denaro; ed ecco che stava alla bocca del suo sacco;
28così disse ai suoi fratelli: Il mio denaro mi è stato restituito; eccolo qui nel mio sacco. Allora il cuore venne loro meno e, tutti spaventati, dicevano l'un l'altro: Che è mai questo che DIO ci ha fatto?.
29Così giunsero da Giacobbe, loro padre nel paese di Canaan e gli raccontarono tutto quanto era loro accaduto, dicendo:
30L'uomo, che è il signore del paese, ci ha parlato aspramente e ci ha trattato come spie del paese.
31E noi abbiamo detto: "Siamo gente onesta; non siamo delle spie;
32siamo dodici fratelli, figli di nostro padre; uno non è più, e il più giovane è oggi con nostro padre nel paese di Canaan".
33Ma quell'uomo, signore del paese, ci ha detto: "Da questo conoscerò se siete gente onesta: lasciate presso di me uno dei vostri fratelli, prendete dei viveri per la vostra famiglia che muore di fame e andate;
34Poi portatemi il vostro fratello più giovane. Così conoscerò che non siete delle spie ma gente onesta; io vi renderò il vostro fratello, e voi potrete commerciare nel paese".
35Or come essi vuotavano i loro sacchi, ecco che l'involto del denaro di ciascuno era nel suo sacco; così essi e il loro padre videro gli involti del loro denaro e furono presi da paura.
36Allora Giacobbe loro padre disse: Voi mi avete privato dei miei figli! Giuseppe non è più, Simeone non è più, e mi volete togliere anche Beniamino! Tutto questo ricade su di me!.
37Ruben disse a suo padre: Se non te lo riporto, fa' morire i miei due Figli. Affidalo a me, io te lo ricondurrò.
38Ma Giacobbe rispose: Il mio figlio non scenderà con voi, perché il suo fratello è morto e questi solo è rimasto: se gli succedesse qualche disgrazia durante il viaggio fareste scendere nel dolore la mia canizie alla tomba.

© Source de Vie - Qualsiasi copia è autorizzata e sostenuta citanto http://www.sourcedevie.com/paginahome.htm
- Ultimo aggiornamento il 20/01/2009 -